Lavoro in uno studio di registrazione, quali sono i ruoli

Come funziona uno studio di registrazione?

Molti appassionati di musica decidono di cercare lavoro in uno studio di registrazione proprio per affacciarsi nel mondo che più piace. ogni mese, infatti, tantissime sono le ricerche sui motori di ricerca per ruoli come fonici, assistenti o manager.

Tra questi, però, molti ignorano che lavorare in uno studio di registrazione non sia un passatempo ma un vero e proprio impiego che richiede preparazione e volontà. Erroneamente, infatti, si pensa che la maggior parte della ‘fatica’ venga fatta dagli artisti lì presenti per incidere il proprio disco o brano.

Se, invece, questo mestiere viene preso con totale dedizione, il fortunato potrà entrare a far parte di un vero e proprio team, o per meglio dire una famiglia, con cui condividere giornate e notti di lavoro e con cui scambiarsi idee e opinioni, naturalmente in ambito musicale.

Studio di registrazione, quali sono i compiti

Mixing console

Responsabile di tutto il processo di registrazione e mixaggio, l’incaricato a questo ruolo utilizza mixer e outboard con una semplicità disarmante. Al suo fianco, sempre nella mixing console, c’è anche il fonico, colui che decide come suddividere i lavori dell’artista e che detta la scaletta e i tempi delle diverse sessioni. Il suo ruolo, inoltre, è determinante qualora dovessero esserci problemi: con la sua professionalità ed esperienza dovrà essere in grado di non bloccare l’intera produzione.

Simile, ma non uguale, è il compito dell’assistente dell’attrezzatura: ruolo ideale per i principianti, questa figura organizza il materiale dello studio, lo tiene in ordine e lo prepara per le sessioni della giornata. Ma non solo: l’assistente dello studio di registrazione è colui che si occupa di sistemare la sala, compresa di eventuali strumenti musicali.

Manager: consigli musicali e relazioni

Ultimo, ma non per importanza, è il ruolo del manager, colui che dirige lo studio di registrazione e che mantiene le relazioni con artisti e anche case discografiche. Attento ad ogni esigenza degli ospiti, costui è anche il responsabile della fase della pre-produzione ed è colui che si occupa di fornire un preventivo ai clienti in base alle loro necessità.

Scopri di più su: Quanto costa affittare uno studio di registrazione a Milano

Come preparare la voce prima della registrazione in studio

Come preparare la voce prima della registrazione in studio

Ci siamo: dopo tante esibizioni live si è pronti per il grande passo: cantare in un vero e proprio studio di registrazione. Trattandosi di un’esperienza totalmente diversa dalle precedenti, è bene che questa venga affrontata con la giusta esperienza.

Per questo motivo abbiamo deciso di offrire 3 consigli su come mostrare la voce al meglio anche durante le registrazioni in studio.

Registrazioni in studio, 3 consigli su come allenare la voce

Riposare bene e bere molta acqua

Elemento in comune con le esibizioni live è il giusto riposo: dormire adeguatamente prima del grande giorno permetterà di rilassare non solo il corpo ma anche la voce stessa: proprio per questo sono da evitare anche luoghi molto affollati nei quali è necessario urlare per comprendersi. Anche l’evitare l’alcool e il bere molta acqua possono contribuire a idratare al meglio le corde vocali.

Prepararsi su un solo brano per volta

Una delle prime tante differenze tra interpretazione in studio e concerto, invece, riguardano le ore di canto: non più oltre 160 minuti ma solitamente un singolo a giornata. Non più attimi fugaci di esibizione: la preparazione dovrà necessariamente essere fatta in tutti i minimi dettagli sul pezzo che si sta per cantare.

Cantare senza muoversi troppo

Durante la registrazione in studio, l’energia dei concerti live dovrà essere tenuta a bada: mai cantare spostandosi troppo dall’asse del microfono, così facendo si perderebbe la qualità dell’audio. Se non si riesce a stare fermi, infatti, è consigliabile richiedere dei microfoni mobili. Questa scelta, tuttavia, viene sempre sconsigliata in quanto la registrazione risulterebbe comunque molto compromessa. Per evitare problemi, già dai giorni antecedenti alle riprese in studio, si suggerisce di esercitarsi con un’asta fissa, il risultato non deluderà le aspettative.

Quanto costa affittare uno studio di registrazione

Quanto costa affittare uno studio di registrazione a Milano

Realizzare un album, specialmente quando non si hanno case discografiche alle spalle, può essere molto costoso. Se in molti decidono di affidarsi all’home recording, tantissimi altri optano per l’affitto di uno studio di registrazione.

Scopri di più su: Barbabietola Milano, studio di registrazione e produzione musicale

Che si abbia necessità a Milano, Roma, Bologna o in altre zone d’Italia poco importa: ciò che è certo è che la domanda “Ma quanto costa affittare uno studio di registrazione?” vien da sé. Per quanto possa sembrare semplice, la risposta a questo quesito non lo è affatto.

I costi, infatti, variano da attrezzatura in attrezzatura: in base alle proprie personali esigenze potrebbero servire dei prodotti aggiuntivi o, in rari casi, un semplice microfono è in grado di soddisfare le aspettative.

Studio di registrazione, a cosa serve

Come più volte sottolineato lo studio di registrazione serve a tutti coloro che decidono di affidare la realizzazione dei propri brani ad una struttura specializzata in grado di donare un quid in più alla propria produzione. Lo staff di questi ambienti, oltre ad essere altamente specializzato, è anche in grado di curare nel dettaglio ogni step antecedente alla nascita di un brano, consigliando gli artisti e contribuendo, nel loro piccolo, a rendere ogni canzone perfetta per essere proposta alle case discografiche.

All’interno di uno studio di registrazione, infatti, si potranno utilizzare tutti i service di audio in grado di rendere il proprio progetto musicale un successo. Dalla sala di controllo alla più tradizionale live room: se nella prima delle due sale si dispone degli apparecchi necessari a registrare i dati su un supporto, nella seconda l’artista può dare vita alla propria estrosità, rendendo giustizia al proprio genio creativo.

Quanto costa affittare uno studio di registrazione

Dopo tutti questi chiarimenti, dunque, è bene specificare che non esiste un unico prezzo per chi intende affittare uno studio di registrazione: il costo varia in base alle esigenze dell’artista. Per ricevere informazioni o ricevere un preventivo sullo studio di registrazione Barbabietola Milano scrivere a emanuele@audiovideomilano.it

Promozione musicale, perché lo studio di registrazione è importante

Promozione musicale, perché lo studio di registrazione è importante

Ogni artista in erba che si rispetti ha un solo e grande obiettivo, quello della promozione musicale. Questo step, sicuramente fondamentale, è però l’ultimo dal quale partire: per decollare, un progetto di musica, necessita di tanti piccoli fattori che, uniti tra loro, potranno portare al successo sperato.

Tra questi, spesso fin troppo sottovalutato, c’è lo studio di registrazione: questi ambienti non devono essere pensati come delle semplici stanze all’interno delle quali registrare in tranquillità il materiale audio, ma devono piuttosto trasformarsi in una seconda famiglia, in un posto in cui cantare sentendosi a proprio agio e in cui trovare un vivace confronto in ambito musicale.

Affidarsi a uno studio di registrazione in cui consultarsi con tutte le figure professionali del mestiere, come produttore e altri esperti di rilievo, può davvero fare la differenza: le idee buone saranno promosse, quelle discrete migliorate e quelle pessime bocciate. Il tutto, naturalmente, viene realizzato affinché l’artista possa sentirsi fiero della sua musica.

Perché lo studio di registrazione è una seconda famiglia

Un interprete insicuro e non contento del proprio progetto, per quanto bravo possa essere, tradirà sempre le sue emozioni nel tono della voce: uno dei tanti fattori del successo, però, è proprio nel riuscire a comunicare al meglio le proprie sensazioni mediante la musica e il testo delle proprie canzoni.

Le ottime strumentazioni e la professionalità di un qualsiasi studio di registrazione non bastano: un lavoro sterile può essere realizzato anche tra le proprie mura domestiche, uno eccellente prevede necessariamente che l’artista si rapporti e confronti con esperti del settore.

Non affidare il tuo progetto ai primi che incontri sul web: prenditi del tempo per pensare, visita personalmente lo studio di registrazione dove vorresti far prendere forma alla tua musica e decidi. Quando troverai quello giusto per te sarai il primo a renderti conto della differenza.